x

19 set 2017 20:48:35 GTM 0

PISCINA IDROTERAPICA



  


Un altro servizio che offre la Polisportiva è l’idroterapia presso la piscina riabilitativa di Trevi, posta all'interno dell'Ospedale. Gli utenti/pazienti sono seguiti da personale qualificato che opera in varie attività:

• RIABILITAZIONE IN ACQUA (terapie individuali e terapie di gruppo);

• ACQUAGYM;

• ACQUABABY;

• GINNASTICA DOLCE (per la Terza Età, per le Colonne Vertebrali, per il rilassamento Psico-Fisico);

• GINNASTICA PRE-PARTO CON OSTETRICHE.

Dopo i primi anni di assestamento, il servizio sta dando i suoi frutti: stiamo coinvolgendo anche molte persone della cosiddetta Terza Età di Trevi; questa attività ci permette di instaurare un rapporto di interscambio di esperienze, sia con l'Amministrazione Comunale, ma soprattutto con la Struttura Riabilitativa dell'Ospedale stesso e permette all'utente, dopo la fase acuta e quindi dimesso, di avere una continuità nella riabilitazione, nel sociale e nello sport qualora lo volesse.

Per informazioni e prenotazioni rivolgersi alla segreteria della Polisportiva Disabili Foligno Via Nino Bixio, 2 – Tel. 0742.321473 dal lunedì al venerdì dalle 9,30 alle 12 e dalle 15,30 alle 19.


Per guardare la locandina della Polisportiva relativa alla piscina clicca qui.


IDROKINESITERAPIA: CHE COS’È
L’idrokinesiterapia è una disciplina fisioterapica che si propone di curare i disturbi del movimento attraverso l’acqua. Si tratta perciò di una tecnica riabilitativa svolta all’interno di una vasca (piscina riabilitativa) appositamente progettata per consentire un movimento terapeutico in modo confortevole e sicuro, senza che sia necessario saper nuotare.
Gli effetti benefici della terapia in piscina sono innumerevoli: essi infatti riuniscono i benefici relativi all’azione dell’acqua, sfruttandone i principi fisici di galleggiamento,della resistenza,della pressione e l’effetto termico, con quelli veri e propri dell’esercizio fisico, guidato da un idrokinesiterapista.
Le proprietà fisiche dell’acqua sono ormai state riconosciute da lungo tempo, come coadiuvanti e terapeutiche, nel trattamento di disturbi ortopedici (post trauma e post intervento chirurgico ortopedico), neuromotori (paresi, malattie demielinizzanti, morbo di Parkinson), osteoarticolari (mal di schiena, artrosi, osteoporosi), circolatori (insufficienze venose degli arti inferiori), nei postumi di intervento chirurgico alla mammella, nonché nella preparazione al parto o nel recupero post parto.
Il movimento in acqua è inoltre molto indicato per il mantenimento della buona forma fisica e come prevenzione ai danni da sedentarietà e invecchiamento.
La temperatura di circa 30 gradi dell’acqua svolge un ruolo positivo su tutto il corpo umano a livello dei muscoli, delle articolazioni e del sistema nervoso.
Per effetto della spinta di galleggiamento in acqua, la forza di gravità viene contrastata e il peso del corpo subisce una apparente diminuzione. Questa situazione permette di evitare il sovraccarico sulle articolazioni con conseguente maggiore libertà e ampiezza di movimenti, minor sforzo muscolare, una riduzione del dolore durante il movimento, il che determina un più rapido recupero della forza e della funzionalità dei muscoli e consentendo un più agevole movimento anche in condizioni di soprappeso.
La resistenza passiva che l’acqua oppone al movimento sottopone i muscoli ad un lavoro più intenso, migliorandone il trofismo e il controllo motorio.
L’apparente diminuzione del peso corporeo, per effetto della spinta idrostatica, permette inoltre di caricare precocemente e progressivamente sugli arti inferiori nelle patologie ortopediche, recuperando più velocemente la possibilità di deambulare e favorendo anche la funzionalità di vene ed arterie.
L’esercizio in acqua, grazie sempre e soprattutto al lavoro in scarico ponderale, permette al paziente di prevenire quella serie di inconvenienti tipici della fase iniziale della fisioterapia a “terra”, come microtraumi, infiammazioni, versamenti articolari, dolore e affaticamento, che spesso sono causa di interruzione del trattamento, ritardando i tempi di recupero.
La riabilitazione in acqua va considerata parte di un programma riabilitativo ed è, quindi, complementare a tutte le altre metodiche fisioterapiche proponibili, secondo le affezioni del paziente. Ciò significa che di solito un paziente non viene trattato esclusivamente in acqua per raggiungere la guarigione o comunque una condizione di miglioramento del suo stato patologico, ma l’utilizzo dell’acqua a scopo terapeutico permette di anticipare l’inizio della riabilitazione. In questo modo il paziente può raggiungere in tempi più brevi una certa autonomia e trovare, di conseguenza, forti motivazioni per proseguire con maggior entusiasmo la rieducazione.
Tale tempestività di intervento consente a sua volta di anticipare il passaggio alle altre metodiche “a secco” e, di conseguenza, di accelerare i tempi totali di recupero.
Il nostro obiettivo è quello dunque di offrire ai nostri utenti un recupero della funzionalità motoria persa a causa della patologia, ed il ripristino dell’autonomia nella vita quotidiana, in un continuum riabilitativo, iniziando dal trattamento in acqua, per passare eventualmente e successivamente a quello fuori dall’acqua, attraverso l’utilizzo di varie metodiche riabilitative, compreso l’utilizzo delle terapie fisiche strumentali che, insieme al trattamento fisioterapico, rappresentano un buon coadiuvante nel trattamento di un numero consistente di patologie.

Nel nostro impianto di Idrochinesiterapia, situato presso l’U.O.R.I.N. a Trevi, proponiamo percorsi individuali o di gruppo per la riabilitazione e il riequilibrio corporeo. Trattiamo pazienti con differenti patologie invalidanti, tra cui patologie neurologiche, ortopediche, reumatologiche. La nostra utenza si compone di pazienti, adulti, giovani ed anche bambini.

I servizi che proponiamo sono diversi e specifici per ogni tipologia di pazienti e patologie, di maggiore o minore gravità, con l’obiettivo fondamentale di ridurre la disabilità sia fisica che psicologica, e migliorare la qualità della vita:
• Dedichiamo quattro ore a settimana per la ginnastica dolce, rivolta a persone che scelgono di fare prevenzione, desiderose di mantenersi in buono stato fisico senza esagerare con l’intensità della lezione. È indicato per mantenere un buon grado di mobilità articolare e tonicità dei tessuti, al fine di evitare la comparsa o il peggioramento di lievi stati patologici, nonché a stimolare lo spirito di aggregazione e ludico tipico dei momenti di svago. L’attività è assai gradita dalle persone mature che hanno a cuore il proprio benessere psicofisico, condividendolo nel gruppo;
• Dedichiamo buona parte delle ore settimanali al trattamento riabilitativo idrokinesiterapico, sia individuale, sia di gruppo, di tutti quei pazienti che presentano patologie invalidanti di media e grave importanza, e di diversa eziologia;
• Proponiamo per quattro ore alla settimana attività di Acquagym, una modalità divertente quanto efficace di praticare movimento mirato a rassodare, drenare, tonificare con l’aiuto e il potenziamento dell’acqua. Pensato per le persone più giovani che desiderano mantenere un certo stato di forma;
• Offriamo inoltre la possibilità di praticare la ginnastica preparto. Questa ginnastica in acqua aumenta l’elasticità dei muscoli e la flessibilità delle articolazioni, aiuta la colonna vertebrale ad adattarsi all’aumento del peso, rende più facile l’esecuzione dei movimenti e genera rilassamento. Inoltre la presenza contemporanea nel gruppo di donne a diversa età gestazionale, crea la possibilità di confrontarsi, comprendere e vivere meglio la gravidanza, il parto, il primo periodo di vita del bambino.

I trattamenti di gruppo sono dunque pensati anche per offrire occasione di socializzazione, confronto e integrazione sociale.

• Proponiamo inoltre un servizio esclusivamente destinato ai bambini e ragazzi iscritti alla Polisportiva Disabili di Foligno, a tariffe agevolate, che presentano svariati tipi di patologie, tra cui esiti di Paralisi Cerebrali Infantili, Distrofia muscolare, esiti di asfissia perinatale, Spina bifida, Atrofie muscolari, bambini affetti da Autismo, ecc. L’obiettivo fondamentale di questo ultimo servizio non è solo esclusivamente di interesse fisioterapico, ma è anche e soprattutto quello di ridurre il disagio sociale, aiutando questi bambini nell’affrontare nel miglior modo possibile le difficoltà sia fisiche che morali portate loro dalla patologia, e offrire quindi un sostegno psicologico attraverso il gioco e l’esercizio in acqua e la relazione con il terapista.

 

 
Realizzato con base Openasp 2.0 - GPL License - homepage
valid xhtml valid xhtml